Orari: da Lunedì a Venerdì : 8:30 - 12:00
+(39) 02.26 43 7004
DIVULGAZIONE

Mangi cioccolato? L'ictus e' meno probabile

Lo score ABC nei pazienti con fibrillazione atriale

By : on : 21 Aprile 2016 comments : (0)

Lo score ABC (Age, Biomarkers, Clinical history) è un nuovo score basato su biomarcatori per predire il rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale.

Uno studio coordinato da Lars Wallentin, dell’Università di Uppsala in Svezia, e pubblicato sul numero di febbraio 2016 dello European Heart Journal descrive e valida un nuovo score per la stima del rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale (FA).

Gli score attualmente impiegati, dapprima vCHADS2 e successivamente CHA2DS2-VASc, sono basati sulla storia clinica e sulle caratteristiche del paziente. Il nuovo score proposto si basa invece su caratteristiche ed anamnesi paziente e su 2 biomarcatori cardiaci, il peptide natriuretico (NT-proBNP) e la troponina ad alta sensibilità (cTn-hs), che si sono dimostrati predittori indipendenti di rischio di ictus nei pazienti con FA.

Lo scopo dello studio è stato sviluppare e validare uno score basato anche su tali biomarcatori per migliorare la predittività del rischio di ictus nei pazienti con FA.
Lo score è stato sviluppato e validato internamente in 14.701 pazienti con FA, nei quali i valori dei 2 biomarcatori sono stati determinati all’arruolamento, con un successivo follow-up mediano di 1,9 anni. I biomarcatori e le variabili cliniche che hanno contribuito a prevedere la successiva incidenza di stroke o embolia sistemica sono state determinate con il metodo della regressione di COX ed ogni variabile ha ottenuto un peso proporzionale, nel modello di score. La validazione esterna è stata eseguita su 1.400 pazienti con FA ed un follow-up mediano di 3,4 anni.
I fattori più importanti di predittività di ictus sono risultati il pregresso ictus/TIA (attacco ischemico transitorio), NT-proBNP, cTn-hs ed età. Tali parametri sono quindi stati inclusi nello score ABC (Age, Biomarkers, Clinical history). Lo score ABC ha bilanciato tali parametri ed ha portato ad un migliore indice di predittività rispetto allo score attualmente più utilizzato, cioè il CHA2DS2-VASc, sia nella coorte di studio (0.68 vs 0.61, p<0.001), sia nella coorte di validazione esterna (0.66 vs 0.58, p<0.001). Inoltre lo score ABC ha determinato un miglior indice di predittività in molti importanti sottogruppi di pazienti.
In conclusione, il nuovo score ABC, basato anche su biomarcatori per la previsione del rischio di ictus nei pazienti con FA, è stato sviluppato ed internamente validato in una numerosa coorte di pazienti con FA, e successivamente validato esternamente in un’altra coorte di pazienti con FA.
Lo score ABC ha dimostrato migliore performance degli score e può fornire un migliore supporto decisionale nei pazienti con FA.
Il futuro dirà se e come il nuovo score potrà essere applicato nella pratica clinica e con quali eventuali vantaggi.

admin

admin

Author

view all posts

Lascia un commento

4 + 5 =