Orari: da Lunedì a Venerdì : 8:30 - 12:00
+(39) 02.26 43 7004
DIVULGAZIONE

Mangi cioccolato? L'ictus e' meno probabile

Mangi cioccolato? L’ictus e’ meno probabile

By : on : 8 Dicembre 2015 comments : (0)

In un recentissimo lavoro di giugno 2015 un gruppo di ricercatori inglesi ha valutato l’effetto del consumo di cioccolato sul rischio di eventi cardiovascolari in uomini e donne in buona salute.

Il cioccolato rappresenta un’importante fonte dietetica di flavonoidi antiossidanti per i quali sono stati ipotizzati effetti benefici sulla funzione endoteliale e di protezione dagli eventi cardiovascolari. Le evidenze emerse da piccoli studi di intervento hanno mostrato che l’assunzione di cioccolato determina un aumento delle concentrazioni di HDL, una riduzione dell’ossidazione delle LDL ed un miglioramento delle funzioni endoteliali. Non disponiamo ancora di studi condotti su larga scala e, a tutt’oggi, le evidenze sui potenziali effetti benefici del cioccolato derivano da studi osservazionali che, pur presentando importanti limiti, hanno mostrato un ridotto rischio di stroke (ictus) e malattie cardiovascolari associato ad un maggior consumo di cioccolato.

Questo studio prospettico è stato condotto sui dati della coorte European Prospective Investigation into Cancer (EPIC)-Norfolk, che ha valutato il consumo abituale di cioccolato attraverso un questionario (1993-1997), registrando fino al marzo 2008 gli eventi clinici. Nell’analisi sono stati inclusi 20.951 individui: la percentuale di soggetti con malattia coronarica nel quintile più elevato e più basso rispetto al consumo di cioccolato sono risultati rispettivamente del 9.7% e 13.8%, con un rischio di stroke pari a 3.1% e 5.4% rispettivamente. Il rischio relativo di stroke ed eventi cardiovascolari è risultato rispettivamente di 0.77 e 0.86 nei due gruppi.

Gli autori hanno anche condotto una meta-analisi che ha incluso 9 studi coinvolgenti globalmente 157.809 partecipanti, ed hanno evidenziato che un più elevato consumo di cioccolato si associa ad un minore rischio di eventi cardiovascolari (RR 0.71, 95% CI 0.56-0.92), stroke (RR 0.79, 95% CI 0.70- 0.87) e mortalità cardiovascolare (RR 0.55, 95% CI 0.36-0.83).

admin

admin

Author

view all posts

Lascia un commento